Discussione:
hifi a Roma, devo dire di essere un po' deluso.
(troppo vecchio per rispondere)
l***@email.it
2009-11-18 12:37:54 UTC
Permalink
qualcuno avrà letto il mio messaggio di qualche giorno fa. ho
intenzione di comprare una cuffia spendendoci 100-150 euro ma prima
volevo provarne almeno due o tre modelli. non mi va certo di
scommettere 100-150 euro che una cuffia mi piacerà.

invece sembra essere proprio quello che sarò costretto a fare.

premetto che ringrazio comunque le ottime opinioni e consigli che ho
ricevuto su questo ng, e soprattutto che, frequentandoli da anni ed
anni, so bene che i ng e i forum in genere non devono essere
considerati dei jukebox-consulenzifici gratuiti che tu metti la
monetina ed esce la risposta bella e completa proprio come volevi tu.

comunque, se interessa la mia storia, ho provato a cercare su internet
negozi di hifi che non fossero i soliti mediaworld e simili (cioè
quelli che una volta si chiamavano cash and carry, con l'aggravante
che questi fanno tanto gli splendidi ma poi hanno due o tre scatoloni
di due o tre prodotti e se uno vuole scelta arrivederci e grazie, e
lasciamo stare la competenza del personale (ragazzetti usa e getta),
per volenteroso che sia: siamo sul livello del "sennheiser è un
produttore di cuffie quindi le sennheiser sono meglio delle sony". ah
però.

non mi pare di aver trovato presenze decenti. trovo siti brochure,
amatoriali, aggiornati ad anni fa... di negozi che vorrebbero vendere
prodotti del costo di decine di migliaia di euro (sì, ma il listino di
che anno è?). negozi che evidentemente vendono a "tifosi" delle varie
marche, che altrettanto evidentemente comprano a scatola chiusa perché
hanno sentito dire da tizio o da caio che la tal marca dal nome
possibilmente teutonico-esoterico "è la migliore".

ho mandato email a tutti i negozi con una presenza internet. l'unica
brachilogica risposta che ho ricevuto, e da un solo negozio tra quelli
contattati, è stata, copio/incollo: "Salve,alcune cuffie si possono
provare altre, quelle sigillate no.".

bene, chiedo sempre via email, vorrei provare la X, la Y e la Z, le
avete? se no cosa mi potete far provare? o cosa mi consigliereste?

interrogato, il morto non rispose.

ho un conoscente che ha speso davvero decine di migliaia di euro per
il suo impianto, e ha addirittura ristrutturato casa per accomodarlo
meglio. non è un riccone, è un normale professionista con questa
mania, diciamo, ma l'hi-fi romana la conosce a fondo e da tanti anni.
ho chiesto anche a lui: "dimmi un negozio a Roma (mica in un paesello)
dove io possa andare, dargli 100 euro di anticipo così sta tranquillo,
e poi provare due o tre cuffie, una la compro di sicuro".

"non c'è", punto. lui stesso ha chiesto invano a vari rivenditori,
distributori ecc. se gli facevano provare a pagamento, con qualsiasi
formula commerciale, con i tempi decisi da loro, casse del costo
superiore a 10mila euro a casa sua. no, non lo facevano. neanche
capivano come mai uno potesse fare una richiesta del genere (forse
perché casa mia è diversa da una sala fonoassorbente appositamente
rpedisposta?). se l'è cavata con favori di altri audiofili, comprando
casse usate e rivendendole ecc.. e comunque ha ancora un paio di
casse da "solo" 4mila euro che tenta di ammollarmi... :-)

insomma, l'impressione che ho ricevuto è quella, tipicamente romana,
della tipica classe commerciale becera e ignorante che campa di
rendita di posizione. se lo vuoi è così e se no stica. poi magari li
senti lamentarsi che c'è la crisi, che non si vende, che la gente
compra su internet. e grazie tante, se il servizio è lo stesso e il
prezzo magari è minore! e anzi, su internet ho pure il diritto di
recesso, quindi magari di cuffie da 150 euro ne posso provare 10
pagando al massimo le spese di spedizione!

ora, non mi aspetto certo miracoli, lo so che l'ambiente romano è
quello che è, lo so che chi si occupa di hifi e altri settori
"artistici" può essere un po' "strano", bizzoso, visto che ha la
clientela fissata con certi marchi.

ma insomma, davvero non mi aspettavo che chi vendesse certi prodotti
fosse così, come dire... deludente.

non so, è come andare a farsi un vestito da un sarto alla moda,
spendere un fottio in stoffa ecc. e poi vedere che il sarto si mette
le dita nel naso.

voglio dire, fate cacciare alla gente migliaia di euro per degli
oggetti che servono a dare piacere, a diffondere gusto, cultura
musicale ecc., abbiate un po' di cortesia, un po' di attitudine
commerciale! meno meschinità, meno braccino corto, più lungimiranza!
aggiornateli sti siti, rispondete alle email! magari i soldi ve li
porto davvero!

no. loro vendono scatoloni. è esemplare la battuta di un film di
tanti anni fa ambientato in una trattoria romana: una coppia distinta
si siede, aspetta di ordinare ma un cameriere rozzo porta due piatti.
lei chiede: "ma non si potrebbe avere...". "aò", la interrompe il
cameriere, "ma si voi magnà come te pare ma perché nun magni a casa
tua...". il bottegaio romano, che faccia il pescivendolo (senza
offesa alla categoria) o il venditore di hifi anche esoterica, ragiona
così.
la mente elastica®
2009-11-18 14:17:50 UTC
Permalink
Perche' non provi in un magazzino per strumenti musicali?
--
http://www.kiva.org

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
l***@email.it
2009-11-19 10:33:59 UTC
Permalink
Post by la mente elastica®
Perche' non provi in un magazzino per strumenti musicali?
ho provato a scrivere a due dei più famosi negozi di strumenti
musicali romani, Cherubini e Musicarte: interrogati, i morti non
risposero.

non so Cherubini, ma Musicarte vende anche informatica (anche se
mac...), mi sarei aspettato, oltre ad una risposta ad un'email, anche
un sito più decente.

ma anche qui, evidentemente, non è con il servizio al pubblico che il
negoziante intende orientare la scelta. questo c'è, questo se magna.
va bene a tutti, deve annà bene anche a te, sennò sei tu che sei
strano.

di Musicarte ricordo una prova anni fa con un amico dei primi
campionatori digitali midi. abbiamo fatto qualche richiesta un po'
più approfondita del solito pulsante/demo, la risposta più o meno è
stata "lo usa anche Tizio quindi è buono". ma fa questa cosa che
vogliamo noi? "Se va bene per Tizio è buono" e via così.
la mente elastica®
2009-11-19 16:07:55 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
ho provato a scrivere a due dei più famosi negozi di strumenti
musicali romani, Cherubini e Musicarte: interrogati, i morti non
risposero.
Andare di persona?
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
l***@email.it
2009-11-20 11:32:49 UTC
Permalink
Post by la mente elastica®
Post by l***@email.it
ho provato a scrivere a due dei più famosi negozi di strumenti
musicali romani, Cherubini e Musicarte: interrogati, i morti non
risposero.
Andare di persona?
nonostante il tuo nick faccia pensare il contrario, evidentemente non
hai idea di quale possa essere l'utilità della comunicazione
telematica nel 2009 (quasi 2010) e forse non sai cosa significa
lavorare con un orario che non è quello statale, non poter passare ore
ad aspettare che qualcuno risponda al telefono e doversi muoversi in
una città come roma.

allora te lo spiegherò, perché, come dicevo altrove, evidentemente
sembra che lo strano sia io che mi aspetto addirittura che negozi come
Cherubini e Musicarte (che vendono la loro buona parte di elettronica
ed informatica) rispondano alle email di gente che gli vuol portare
soldi.

andare da Cherubini o Musicarte per me significa impiegare almeno
un'ora-un'ora e mezza di mezzi pubblici. siccome lavoro davvero, mi è
difficile staccare prima delle 18-18:30. questo vuol dire che
arriverei da Cherubini o Musicarte alle 19-19:30, *nel migliore dei
casi*. cioè li troverei con la saracinesca già a mezz'asta coi
commessi che stanno tutti in fregola per la seratina che li aspetta
dopo aver spalato carbone tutto il giorno, poverelli.

per me vorrebbe dire arrivare a casa alle 21-21:30, magari per aver
solo potuto vedere le vetrine da fuori, figuriamoci chiedere di
provare delle cuffie e sentirmi magari ridere in faccia.

neanche prendo in considerazione l'idea di sciupare un sabato
pomeriggio a combattere col traffico per arrivare in un Cherubini-
Musicarte trasformato in un supermercato affollato da ragazzetti
isterici e commessi esauriti.

quindi faccio quello che si farebbe in un qualsiasi paese civile (ma
neanche tanto civile, vedi il p.s.), quindi chiedo prima via email se
la cosa è possibile.

evidentemente non è possibile, quindi Musicarte e Cherubini a sto giro
i miei 150 euro non li vedranno. ma loro avranno avuto la grande
soddisfazione di non aver sprecato tempo a rispondere alle email, che
so' gente seria che lavora, loro e tanto i clienti ce li hanno e
quindi vabbene così (rendita di posizione, no?).

pensa invece a quanto stress e benzina si risparmierebbe se loro mi
rispondessero sì si può fare, no non si può fare. pensa che magari
potrei passare un'ora o due in più a leggere un bel libro di qualche
poeta impegnato o di un'ecologista femminista o di un politico-maitre-
à-penser del tuo schieramento preferito invece di smoccolare nel
traffico.

e questo solo se rispondono.

se poi le cuffie me le fanno anche provare davvero, vero che almeno un
giro di traffico me lo farei, ma poi potrei ascoltare tanta bella
musica a casa, sul bus e in metro, se le cuffie e il lettore lo
consentono.

quindi cosa farò io adesso?

ordinerò, diciamo, una sennheiser hd380 da un rivenditore on line,
un'akg 181 da un altro, una bose trikketrak da un altro ancora, le
provo tutta una giornata, poi ne scelgo una e le altre due le rimando
indietro col diritto di recesso.

20-30 euro di spese postali e passa la paura.

tutto questo perché nel 2010 ci sono dei coglioni, scusate il termine,
che non sanno a cosa serve rispondere via email ad un potenziale
cliente.

e questo dopo decine di convegni sull'innovazione, sul marketing, sul
web 2.0, su facebook e tutte ste minchiate qui.

niente di personale, scusate il ranting kmetrico ma quando ce vo' ce
vo'.

p.s. a proposito di paesi "civilizzati".

come ho detto, mi occupo di informatica. per un sacco di tempo ho
corteggiato un'azienda di import export di un parente perché si
informatizzassero un po'. gli ho registrato un dominio e messo su in
amicizia un sito web a titolo dimostrativo.

pochi anni fa mi dicono: "ma noi possiamo ricevere le email?"

dico come no, sarò contentissimo di mostrarvi come si fa, ma come mai
me lo chiedete solo adesso?

"eh sai, ci hanno chiesto i boscaioli del Madagascar da cui compriamo
il legname se avevamo questa email, perché loro dicono che mandarci un
fax dal Madagascar all'Italia gli costa quanto una settimana di
stipendio di un operaio mentre lì da loro usano queste email che sono
gratuite e ci ha chiesto se anche in Italia le avessimo".

capito i boscaioli del Madagascar? altro che Cherubini, Musicarte e
tutti i bottegai da strapazzo-principesse sul pisello dell'hifi
romana.
la mente elastica®
2009-11-20 17:26:37 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
ordinerò, diciamo, una sennheiser hd380 da un rivenditore on line,
un'akg 181 da un altro, una bose trikketrak da un altro ancora, le
provo tutta una giornata, poi ne scelgo una e le altre due le rimando
indietro col diritto di recesso.
Prima telefonagli per sapere se ti puoi avvalrere del diritto di recesso
su qualcosa venduto sigillato. Poi ci dici.
--
http://www.kiva.org

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
l***@email.it
2009-11-20 21:18:09 UTC
Permalink
Post by la mente elastica®
Prima telefonagli per sapere se ti puoi avvalrere del diritto di recesso
su qualcosa venduto sigillato. Poi ci dici.
probabilmente un sito di ecommerce neanche lo espone, un telefono.
non avrà soldi da spendere per un tizio che stia lì a rispondere a
voce.

magari gli mando un'email, se proprio non trovo nelle faq che avrà
scritto quanto mi interessa.

copioincollo da uno a caso:

-Il cliente deve essere un privato.

ci siamo

- La merce deve essere stata consegnata da un corriere e non ritirata
presso un punto vendita.

ok.

- Il prodotto deve essere integro, completo di ogni sua parte, imballi
inclusi.

gli ridò tutto.

- Il diritto di recesso si applica al software e ai prodotti
consumabili quali CD-R, cartucce e toner, batterie SOLO se la
confezione è sigillata e integra

una cuffia non è sw né consumabile. la normativa parla anche di
prodotti audiovideo (cd, dvd...), una cuffia non rientra tra questi.

nel d.lgs. 185/99, "Attuazione della direttiva 97/7/CE relativa alla
protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza", non
trovo alcun riferimento al sigillamento del qualcosa che non sia sw o
audiovideo.
la mente elastica®
2009-11-20 22:04:28 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
- Il diritto di recesso si applica al software e ai prodotti
consumabili quali CD-R, cartucce e toner, batterie SOLO se la
confezione è sigillata e integra
una cuffia non è sw né consumabile. la normativa parla anche di
prodotti audiovideo (cd, dvd...), una cuffia non rientra tra questi.
nel d.lgs. 185/99, "Attuazione della direttiva 97/7/CE relativa alla
protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza", non
trovo alcun riferimento al sigillamento del qualcosa che non sia sw o
audiovideo.
Magari c'e' il cavillo, tant'e' che molti siti di e-commerce prevedono che
anche materiale che non rientra nel software o nell'audovisivo deve essere
ritornato sigillato.

Prenditi un giorno di ferie oppure aspetta sino alle vacanze di natale
(volutamente scritto minuscolo), in modo da non perdere ore di lavoro, e
fatti un giro per negozi, grandi magazzini, compresi Cherubini et affini.

Venire sul ng con lamentele del tipo "non mi cagano" non mi sembra risolva
qualcosa.
--
http://www.kiva.org

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
l***@email.it
2009-11-21 22:25:22 UTC
Permalink
Post by la mente elastica®
Magari c'e' il cavillo, tant'e' che molti siti di e-commerce prevedono che
anche materiale che non rientra nel software o nell'audovisivo deve essere
ritornato sigillato.
peccato siano fuori legge.
Post by la mente elastica®
Venire sul ng con lamentele del tipo "non mi cagano" non mi sembra risolva
qualcosa.
non sentirti chiamato in questione. hai detto quel che hai potuto,
bene così.

quello che io volevo fare era:

1. chiedere se qualcuno conosce negozi che ecc. ecc.:

2. esprimere il mio disappunto riguardo i contatti con gente che vende
roba costosetta.

tu riduci il tutto a un "non mi cagano?" ammetto di non avere il dono
della sintesi, ma tu caro mio non me lo fai rimpiangere.

cordialità.
Ricky
2009-11-21 15:44:07 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
- Il prodotto deve essere integro, completo di ogni sua parte, imballi
inclusi.
gli ridò tutto.
Si ma un blister quando lo tagli non è più integro ;-)
Post by l***@email.it
- Il diritto di recesso si applica al software e ai prodotti
consumabili quali CD-R, cartucce e toner, batterie SOLO se la
confezione è sigillata e integra
E questo è evidente.
Se no li usi e glieli ridai indietro.
--
Ricky

Scrivimi saltando i cancelletti ( * = . )
mb#ox#*#ric#***@yah#oo*it

oppure usa il seguente link
http://www.mynewsgate.net/mp.php?u=19024
Mechmaniac
2009-11-22 11:54:43 UTC
Permalink
(megacut)
Il mio punto di riferimento in ambito stereofonico è proprio Cherubini.
Ho comprato poche cose da loro (un pre phono della Pro Ject, una testina
DL-103R, dei cavi di segnale della Cambridge, qualche metro di cavo van
den hul e alcuni prodotti per la cura dei vinili), ma mi hanno sempre
consigliato bene, e alcuni prodotti consigliati li ho messi in lista
come da comprare.
Conosco il personale sia del reparto informatico/audio pro, che il
personale del reparto hi-fi e da quello che ho avuto modo di provare,
almeno per questi ultimi, si tratta di gente molto più esperta e
appassionata di quello che crediate, che come me non trova il tempo per
frequentare NG e internet in generale. Non si può vivere di
full-immersion quando lavoro, passione e consigli agli amici trattano lo
stesso argomento...
Come nel mio caso per l'informatica (vendo PC e componenti in un
negozio) è ovvio che la passione venga limitata proprio dal lavoro, per
cui un qualsiasi commesso si trova a volte costretto a proporre cose che
non vorrebbe e a staccare l'interruttore della passione al fine di non
coinvolgerla troppo nel lavoro, e poi rovinarla, ma ti assicuro che non
è affatto la normalità.

I problemi principali, almeno per i campi informatico e hi-fi, sono
sempre gli stessi: clienti troppo esigenti, che per acquistare pochi
articoli arrivano a guardare, oltre al prodotto, anche i peli del sedere
del commesso che glieli propone, scelta limitata (i prezzi si sono
alzati, e non è che la situazione economica dei negozianti sia poi
migliore di quella dei clienti), personale ridotto, tempo a disposizione
scarso.

Se dovessero dedicare 2 ore ad ogni cliente, ti assicuro che
perderebbero il lavoro. Ovvio che poi se vai lì e chiedi di acquistare
le Sonus Faber Stradivari Homage con i 2 Krell Evolution 600 e l'Audio
Research MP1 collegato al CD5 che hanno nella sala di ascolto, la
situazione cambia :)

PS - Hai mai provato a telefonargli? Vedo che al telefono rispondono
sempre (ovviamente se non sono in sala ascolto con dei clienti).

PPS - anche io dopo le 19:00 divento molto poco espansivo nei confronti
dei clienti, anche se alla fine propongo sempre il prodotto che vedo
migliore, non dilungandomi però in spiegazioni eccessivamente tecniche
(e quantomai inutili...).

_____________________________________
---- Mechmaniac'77 (31, 144, RM) ----
---- 156 1.8ts + Monster600 dark ----
----- Lenco Lover -- JBL Abuser -----
http://blog.granderaccordoanulare.net
l***@email.it
2009-11-22 19:45:42 UTC
Permalink
Post by Mechmaniac
PPS - anche io dopo le 19:00 divento molto poco espansivo nei confronti
dei clienti, anche se alla fine propongo sempre il prodotto che vedo
sai cos'è la cosa che mi scoccia?

che tutti pensano di essere gli unici a lavorare e arrivare la sera
stanchi

non solo, se io arrivo a 10 minuti dalla chiusura è perché ti odio e
voglio infastidirti, non perché lavoro le mie nove-dieci-dodici ore al
giorno pure io.

un consiglio che dare a tutti i negozianti seccati dalle visite dei
clienti è quello di prendere atto che la gente lavora come loro, e ha
i loro orari. quindi forse è meglio stare chiusi il mattino che tanto
stiamo tutti al lavoro, e farsi le loro otto ore dalle 14 alle 22.

anche tre-quattro anni di sana disoccupazione potrebbero aiutare.

se no è un po' come se un ristoratore si lamentasse che arriva un
sacco di gente tra mezzogiorno e le due mentre alle 11 e alle 17,
guarda un po', il locale è vuoto.

per quanto riguarda contare i peli del sedere del commesso, sai com'è,
non è che a me i soldi li regalano o me ne danno in abbondanza. chi
mi fa la busta paga conta anche i miei, di peli, quindi quando mi devo
separare dai miei soldi lo voglio fare a ragion veduta. o se no si fa
presto, per un prodotto che costa 150 ti dò 130 e se mi fai storie ti
dico "eh, ma che fai, mi conti pure i peli del sedere".

comunque io non voglio essere imbonito da un commesso, voglio
essenzialmente confrontare dal vivo tre prodotti simili. se il
commesso ha ulteriori scelte da consigliarmi, ovviamente, ben venga.

per quanto riguarda telefonare, non mi piace farlo. quello sì che è
far perdere tempo al commesso e magari al cliente che in quel momento
sta seguendo: paradossalmente a chi si è fatto il culo per venire fino
a lì lo metti da parte per rispondere ad uno che se ne sta comodo a
casa o al suo lavoro.

penso sia molto più comoda, sia per chi chiede che per chi risponde,
l'email, cioè una comunicazione asincrona. io ti scrivo quando posso,
tu mi rispondi quando puoi. certo, il momento di potere lo devi
trovare, prima o poi. ma la realtà è che a chiacchierare son buoni
tutti, a scrivere c'è sempre paura.

grazie comunque dei consigli.

Luca Franzesi
2009-11-18 14:25:46 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
insomma, l'impressione che ho ricevuto è quella, tipicamente romana,
della tipica classe commerciale becera e ignorante che campa di
rendita di posizione.
La cosa più divertente è che, leggendo sui forum frequentati dai
rivenditori (e in generale dagli operatori) è tutto un continuo
PIAGNISTEO: il mercato va male, la gente non compra, compra su
internet, compra all'estero, uaaahhh come mi dispero che non posso più
cambiare SUV una volta all'anno... !
Si leggono anche cose assurde: rivenditori che ti danno retta solo su
appuintamento, che rifiutano di far ascoltare un apparecchio al
cliente, che chiedono di essere PAGATI per la prova ( e il cosiddetto
"rischio di impresa" ???? ), che trattano il cliente come se fosse
cacca.
E se fosse semplicmeente che i clienti, grazie anche alla onnipresente
crisi, si sono fatti un po' meno ebeti e pretendono di essere trattati
con rispetto e capire (almeno un pochino, per carità) per quale motivo
dovrebbero sborsare fior di soldini ?
Post by l***@email.it
è esemplare la battuta di un film di
tanti anni fa ambientato in una trattoria romana: una coppia distinta
si siede, aspetta di ordinare ma un cameriere rozzo porta due piatti.
lei chiede: "ma non si potrebbe avere...".  "aò", la interrompe il
cameriere, "ma si voi magnà come te pare ma perché nun magni a casa
tua...".  
Battuta, eh ? A me è capitato davvero, e non a Roma. Una cameriera
cafona che pretendeva ordinassi quello che diceva lei, e si mise a
sbuffare infastidita rispondendomi pure male quando le dissi che
pretendevo tutt'altro (eccheccazzo, sarò padrone di mangiare quello
che mi pare al ristorante o devo pure lì trovare un coglione che mi
dice cosa cosa devo fare con i miei soldi ????)
Superfluo dire che per me quel ristorante può anche chiudere i
battenti, in saecula saeculorum. Ce ne sono altri, tanti altri, con
personale più gentile che mi saluta e ringrazia quando vado via.

Ciao

Luca Franzesi
***@f2n.it
la mente elastica®
2009-11-18 16:16:30 UTC
Permalink
Post by Luca Franzesi
La cosa più divertente è che, leggendo sui forum frequentati dai
rivenditori (e in generale dagli operatori) è tutto un continuo
Operatori?! Operatori de che?! Passano la giornata sui forum. Hanno cosi'
tanto tempo libero ? :-)))))
--
http://www.kiva.org

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
sandrox
2009-11-18 17:00:42 UTC
Permalink
ora come ora è meglio fare la spesa in negozi che trattano solo Pro e non
solo hi-fi...imho c'è molta più serietà.

Ciao
Luca Franzesi
2009-11-18 22:10:55 UTC
Permalink
Post by la mente elastica®
Operatori?! Operatori de che?! Passano la giornata sui forum. Hanno cosi'
tanto tempo libero ? :-)))))
Ovvio, se c'è la crisi il tempo libero abbonda e loro passano la
giornata a piagnucolare sui forum.

Che tristezza, invece di cambiare un SUV all'anno devono tenerselo per
almeno due... nel frattempo si consolano pubblicizzando cavi,
legnetti, smagnetizzatori per CD (e per favore non ditemi che i CD non
si magnetizzano, mi raccomando)...

Ciao

Luca Franzesi
***@f2n.it
l***@email.it
2009-11-19 10:39:36 UTC
Permalink
Post by Luca Franzesi
La cosa più divertente è che, leggendo sui forum frequentati dai
rivenditori (e in generale dagli operatori) è tutto un continuo
PIAGNISTEO: il mercato va male, la gente non compra, compra su
internet, compra all'estero, uaaahhh come mi dispero che non posso più
cambiare SUV una volta all'anno... !
appunto...
Post by Luca Franzesi
Si leggono anche cose assurde: rivenditori che ti danno retta solo su
appuintamento, che rifiutano di far ascoltare un apparecchio al
cliente, che chiedono di essere PAGATI per la prova ( e il cosiddetto
"rischio di impresa" ???? ), che trattano il cliente come se fosse
cacca.
la cosa divertente è che il mio amico che dicevo, quello dall'impianto
da decine di migliaia di euro, essendo un professionista che vende
merci e servizi e rendendosi conto di com'era l'andazzo, aveva
proposto proprio questo ai rivenditori: va bene, capisco che per voi è
una spesa, ditemi quanto volete, prendiamo un appuntamento a comodo
vostro... niente.

voglio dire, se sono sul mercato per un'auto me la fanno provare senza
troppe menate, un pezzo che costa pure di più invece no, nemmeno se mi
offro di remunerarti l'impegno e ti garantisco l'acquisto di uno tra i
modelli che mi fai provare!
SACD ®
2009-11-19 13:27:20 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
voglio dire, se sono sul mercato per un'auto me la fanno provare senza
troppe menate, un pezzo che costa pure di più invece no, nemmeno se mi
offro di remunerarti l'impegno e ti garantisco l'acquisto di uno tra i
modelli che mi fai provare!
Forse l'errore è proprio qui: mai dare soldi prima, per nessun motivo,
e a nessuno!
Provo. Mi piace? Eventualmente compro.
Provo. Non mi piace? Non compro.
Sta poi al venditore sollecitare il cliente con altri prodotti che
possono eventualmente piacergli, portandolo al fatidico sì.

--
Aliis alia placent
Loading Image...
Luca Franzesi
2009-11-19 18:46:55 UTC
Permalink
Post by SACD ®
Sta poi al venditore sollecitare il cliente con altri prodotti che
possono eventualmente piacergli, portandolo al fatidico sì.
Appunto: "al RIVENDITORE" (professionista / competente).
Ma se uno è solo un "bottegaio", e per lui vendere hi-fi, patate o
maglioni cinesi da 10 euro al quintale è la stessa cosa...


Ciao

Luca Franzesi
***@f2n.it
SACD ®
2009-11-19 19:20:09 UTC
Permalink
On Thu, 19 Nov 2009 10:46:55 -0800 (PST), Luca Franzesi
Post by Luca Franzesi
Post by SACD ®
Sta poi al venditore sollecitare il cliente con altri prodotti che
possono eventualmente piacergli, portandolo al fatidico sì.
Appunto: "al RIVENDITORE" (professionista / competente).
A trovarne...
Post by Luca Franzesi
Ma se uno è solo un "bottegaio", e per lui vendere hi-fi, patate o
maglioni cinesi da 10 euro al quintale è la stessa cosa...
... c'è davvero poco da fare!
Meglio a quel punto evitare di incrociarne il cammino...

Ciao.

--
Aliis alia placent
http://i41.tinypic.com/314p93p.gif
l***@email.it
2009-11-20 12:00:36 UTC
Permalink
Post by SACD ®
Provo. Mi piace? Eventualmente compro.
Provo. Non mi piace? Non compro.
Sta poi al venditore sollecitare il cliente con altri prodotti che
possono eventualmente piacergli, portandolo al fatidico sì.
ma a quanto pare i rivenditori sono così contenti della loro rendita
di posizione che non ti fanno provare nemmeno se li paghi per la prova!
Ricky
2009-11-19 18:10:24 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
qualcuno avrà letto il mio messaggio di qualche giorno fa. ho
intenzione di comprare una cuffia spendendoci 100-150 euro ma prima
volevo provarne almeno due o tre modelli. non mi va certo di
scommettere 100-150 euro che una cuffia mi piacerà.
Ti avevo risposto io.
Non sono di Roma e quindi non so indirizzarti, ma salvo che nel frattempo
tu non abbia cambiato esigenze penso che le cuffie che possano fare al
caso tuo le puoi trovare proprio in magazzini tipo MW.

Come ti ha consigliato qualcuno puoi buttare un occhio in negozio di
materiale per musicisti ( come Cherubini ) però non troverai prodotti
consumer come quelli che ti ho indicato.
Post by l***@email.it
comunque, se interessa la mia storia, ho provato a cercare su internet
negozi di hifi che non fossero i soliti mediaworld e simili (cioè
quelli che una volta si chiamavano cash and carry, con l'aggravante
che questi fanno tanto gli splendidi ma poi hanno due o tre scatoloni
di due o tre prodotti e se uno vuole scelta arrivederci e grazie,
Beh certo in quei posti è difficile trovare prodotti di alta gamma. Si
punta su prodotti più vendibili.
Post by l***@email.it
lasciamo stare la competenza del personale (ragazzetti usa e getta),
per volenteroso che sia: siamo sul livello del "sennheiser è un
produttore di cuffie quindi le sennheiser sono meglio delle sony". ah
però.
Beh cerca anche di capire tutti sti ragazzi che si trovano scaffali pieni
di prodotti diversi magari inseriti solo per un breve periodo di promo e
poi rimossi. Inoltre non tutti i clienti ci capiscono qualcosa, la maggior
parte gli chiede "3 etti di cuffia, bella magra" ;-)
Post by l***@email.it
ho mandato email a tutti i negozi con una presenza internet. l'unica
brachilogica risposta che ho ricevuto, e da un solo negozio tra quelli
contattati, è stata, copio/incollo: "Salve,alcune cuffie si possono
provare altre, quelle sigillate no.".
Te lo avevo scritto credo.
Purtroppo alcune cuffie sono confezionate in blister che non possono
essere richiusi.

Tu compreresti una cuffia con un blister richiuso con lo scotch? Se è in
svendita forse, se a prezzo pieno ci pensi n volte ( magari la prendi se è
l'ultima sul pianeta ;-) )

Prova a chiedere anche qui:
http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1915313

Qualche romano spero che ci sia.

Comunque hai provato a dare un occhio alla FNAC?
Nel negozio di Milano c'è una buona scelta di cuffie, spero sia
altrettanto a Roma.
Se riesci a passare in un momento di calma, penso che una prova non te la
neghino (ammesso che la cuffia non sia in un blister).
--
Ricky

Scrivimi saltando i cancelletti ( * = . )
mb#ox#*#ric#***@yah#oo*it

oppure usa il seguente link
http://www.mynewsgate.net/mp.php?u=19024
l***@email.it
2009-11-20 11:58:38 UTC
Permalink
Post by Ricky
qualcuno avrà letto il mio messaggio di qualche giorno fa.  ho
intenzione di comprare una cuffia spendendoci 100-150 euro ma prima
volevo provarne almeno due o tre modelli.  non mi va certo di
scommettere 100-150 euro che una cuffia mi piacerà.
Ti avevo risposto io.
sì, infatti ti ho anche (genericamente) ringraziato ma...
Post by Ricky
penso che le cuffie che possano fare al
caso tuo le puoi trovare proprio in magazzini tipo MW.
...hai anche visto la mia risposta, invece che il venditore di
scatoloni io cercavo un negoziante, anche se mi faceva pagare di più.
Post by Ricky
Come ti ha consigliato qualcuno puoi buttare un occhio in negozio di
materiale per musicisti ( come Cherubini ) però non troverai prodotti
consumer come quelli che ti ho indicato.
ho chiesto via email a cherubini e musicarte se si possono provare
cuffie, manco hanno risposto.

100-150 euro a chi sta nella mia città e manco mi risponde mi spiace
ma non glieli dò. allora li dò ad uno dei tanti rivenditori online di
questi prodotti, alcuni li conosco pure di persona, figurati.

lo so che sono strano, sai, io rispondo a potenziali clienti che
chiedono informazioni sui miei servizi. si chiama educazione, una
cosa che comincia davvero a scarseggiare, a Roma soprattutto. si
trattasse di ortofrutticoli (che invece sono in genere persone
splendide) o informatici ancora ancora lo tollererei. da uno che
vende scatolette da 150 euro a 10mila e più che serve a sentire
musica, cioè qualcosa di bello, colto, elevato ecc. non lo tollero.
Post by Ricky
comunque, se interessa la mia storia, ho provato a cercare su internet
negozi di hifi che non fossero i soliti mediaworld e simili (cioè
quelli che una volta si chiamavano cash and carry, con l'aggravante
che questi fanno tanto gli splendidi ma poi hanno due o tre scatoloni
di due o tre prodotti e se uno vuole scelta arrivederci e grazie,
Beh certo in quei posti è difficile trovare prodotti di alta gamma. Si
punta su prodotti più vendibili.
no, si punta proprio sul raschio di magazzino. poi siccome sei
disperato e c'è la musica cogliona in sottofondo che ti distrae e già
ti sei fatto due ore di traffico e una di posteggio e la ragazza già
si sta scocciando e ci sono i ragazzini in coda allora compri quel che
c'è. mi spiace, non faccio le mie scelte così.
Post by Ricky
lasciamo stare la competenza del personale (ragazzetti usa e getta),
per volenteroso che sia: siamo sul livello del "sennheiser è un
produttore di cuffie quindi le sennheiser sono meglio delle sony".  ah
però.
Beh cerca anche di capire tutti sti ragazzi che si trovano scaffali pieni
di prodotti diversi magari inseriti solo per un breve periodo di promo e
poi rimossi. Inoltre non tutti i clienti ci capiscono qualcosa, la maggior
parte gli chiede "3 etti di cuffia, bella magra" ;-)
li capisco, per carità, tra l'altro costretti a lavorare con radio-
superidiota a rotazione tutto il giorno, ma certo non ci vado a
comprare. per questo cercavo un negozio, o meglio, un negoziante.
Post by Ricky
ho mandato email a tutti i negozi con una presenza internet.  l'unica
brachilogica risposta che ho ricevuto, e da un solo negozio tra quelli
contattati, è stata, copio/incollo: "Salve,alcune cuffie si possono
provare altre, quelle sigillate no.".
Te lo avevo scritto credo.
Purtroppo alcune cuffie sono confezionate in blister che non possono
essere richiusi.
lo so che me lo avevi scritto, ma appunto *alcune* saranno blisterate
sigillate, altre magari no.

perché quel negozio, neanche su mia sollecitazione, non mi ha detto
*quali* si possono provare? perché, sempre su mia sollecitazione, non
ha neanche tentato di consigliarmi?

te lo scrivo ora io il perché. al 50% perché saranno dei poveri
analfabeti che hanno poca dimestichezza con la lingua scritta sia
quando la leggono, sia, soprattutto, quando la devono scrivere, come
gran parte degli italiani (cerca online "analfabetismo funzionale" o
"analfabetismo di ritorno" e rabbrividisci). all'altro 50% perché
saranno i solito coatti de bottega che diranno "aò ma questo che
vvole, si le cuffie se le vò comprà ha da venì qui come tutti l'altri
aò eppi la sennaiser è bona lo dicheno tutti, e pure l'accappagì ce
l'hanno tutti i diggei quindi è bbona".

allora, a me gente del genere (perché chi da un negozio non risponde
alle email è così e non c'è niente da fare) mi comincia a stare
davvero sulle balle. se c'è la crisi e chiudono, be', davvero non
piango.
Post by Ricky
Tu compreresti una cuffia con un blister richiuso con lo scotch? Se è in
e perché no, se ti chiedo di aprirla. intanto proponimelo e vedi che
ti dico. oppure mi potresti dire "aperte da provare ho questa e
quest'altra". oppure "chiedo al rivenditore se ha modelli in prova",
che ne so, inventati qualcosa per intercettare i miei soldi. sei un
negoziante, non la commessa del supermercato.
Post by Ricky
Comunque hai provato a dare un occhio alla FNAC?
Nel negozio di Milano c'è una buona scelta di cuffie, spero sia
altrettanto a Roma.
fnac qui a roma è un mediaworld pretenziosetto che costa il 10% in
più, comunque ci darò un'occhiata. l'avevo escluso in partenza
appunto perché riunisce i difetti del cash and carry (scatoloni
chiusi) con quelli del negozio classico (prezzi alti).
Post by Ricky
Se riesci a passare in un momento di calma, penso che una prova non te la
neghino (ammesso che la cuffia non sia in un blister).
ah, sono loro che fanno un favore a me. pure un momento di calma.
non so, cosa devo fare, prendere un giorno di ferie così posso stare
lì alle 3 del pomeriggio, se han finito la digestione? no grazie, non
ho bisogno di favori. ecommerce e diritto di recesso. qualche euro
di spese postali in più e addio. e sti negozi chiudessero pure.

scusa il tono acido, eh? niente di personale, anzi, grazie per i
consigli. è che penso dovremmo diventare tutti un po' più esigenti
quando cacciamo soldi, pochi o tanti che siano.
Ricky
2009-11-21 16:29:33 UTC
Permalink
....hai anche visto la mia risposta, invece che il venditore di
scatoloni io cercavo un negoziante, anche se mi faceva pagare di più.
Perdonami ma un negozio di Hi-Fi doc ( non conosco Roma ma dubito che non ve
ne siano ) di solito tiene i modelli di alta gamma.

A parte che in questo caso se non sono movimentatori di scatoloni, c'è una
buona probabilità che siano ottimi rivenditori di aria fritta e pescatori di
boccaloni, temo che non abbiano cuffie adatte a lettori MP3.

Comunque immagino che di MW, Trony, Saturn, Euronics, Auchan, Carrefour,
ecc.. a a Roma ce ne sia più di uno. Se ne hai uno a tiro incomincia a
guardarle. Non tutti i negozi di una catena applicano le stesse politiche.
Alcuni vendono solo scatole senza consentirti di fare alcuna valutazione del
prodotto, altri sono più disponibili. E la cosa mi è più volte capitata
valutando altri tipi di prodotti ( es. materiale informatico ).

Comunque ho trovato molti magazzini di questo tipo che espongono in vetrina
alcuni modelli, fuori dalla confezione. In tal caso penso che non sia un
problema farti provare l'esemplare esposto. Naturalmente la disponibilità
del commesso è proporzionale alla folla presente. Nel casino del sabato
anche con tutta la buona volontà non possono dedicarti troppo tempo.

Però spesso solo guardando il prodotto spento puoi fare una prima
valutazione ( è troppo grossa, è troppo piccola, non mi piace il cavo o il
colore, ecc... )

Fra l'altro qui hai il vantaggio che puoi valutare il prodotto senza che
nessuno ti rompa le scatole cercando di venderti quel che vuole lui. Sarai
tu che chiederai al commesso di fartela provare o info tecniche.
Post by Ricky
Come ti ha consigliato qualcuno puoi buttare un occhio in negozio di
materiale per musicisti ( come Cherubini ) però non troverai prodotti
consumer come quelli che ti ho indicato.
ho chiesto via email a cherubini e musicarte se si possono provare
cuffie, manco hanno risposto.
Immagino che le cuffie per i privati non siano il business primario di un
negozio come Cherubini. Probabilmente se gli avessi chiesto la disponibilità
alla prova di una tastiera o qualche altro strumento ti avrebbero risposto.
100-150 euro a chi sta nella mia città e manco mi risponde mi spiace
ma non glieli dò. allora li dò ad uno dei tanti rivenditori online di
questi prodotti, alcuni li conosco pure di persona, figurati.
Beh se conosci qualcuno chiedi a lui di farti provare la cuffia.
Naturalmente occhio ai tarocchi, che spesso girano fra cuffie molto vendute.
lo so che me lo avevi scritto, ma appunto *alcune* saranno blisterate
sigillate, altre magari no.
In genere le confezioni delle AKG sono apribili e richiudibili senza danni.
Quelle delle Sennheiser entry level di solito sono blister, mentre i modelli
più alti in gamma sono in scatole di cartone.
perché quel negozio, neanche su mia sollecitazione, non mi ha detto
*quali* si possono provare? perché, sempre su mia sollecitazione, non
ha neanche tentato di consigliarmi?
Ci sono talmente tanti modelli in giro che non stanno certo a fare l'elenco
di quelle provabili o no. Quando prende in mano la confezione il commesso
valuta se la può richiudere o no.
e perché no, se ti chiedo di aprirla. intanto proponimelo e vedi che
ti dico. oppure mi potresti dire "aperte da provare ho questa e
quest'altra". oppure "chiedo al rivenditore se ha modelli in prova",
che ne so, inventati qualcosa per intercettare i miei soldi. sei un
negoziante, non la commessa del supermercato.
Vedi sopra.
Post by Ricky
Comunque hai provato a dare un occhio alla FNAC?
Nel negozio di Milano c'è una buona scelta di cuffie, spero sia
altrettanto a Roma.
fnac qui a roma è un mediaworld pretenziosetto che costa il 10% in
più, comunque ci darò un'occhiata. l'avevo escluso in partenza
appunto perché riunisce i difetti del cash and carry (scatoloni
chiusi) con quelli del negozio classico (prezzi alti).
Si in genere è un po' più costosa, ma c'è una scelta di maggior qualità.
ah, sono loro che fanno un favore a me. pure un momento di calma.
non so, cosa devo fare, prendere un giorno di ferie così posso stare
lì alle 3 del pomeriggio, se han finito la digestione? no grazie, non
ho bisogno di favori. ecommerce e diritto di recesso. qualche euro
di spese postali in più e addio. e sti negozi chiudessero pure.
Beh se c'è il negozio pieno, un commesso non sta certo a perdere tempo con
te dedicandoti 10 minuti per vendere 100 euro di cuffia, magari perdendo un
cliente che vuole comprare un impianto audio o un TV da 1000 euro.

Ho capito che lavori tutta la settimana, ma non riesci a farci un salto
verso le 6 e mezza / 7 ?
scusa il tono acido, eh? niente di personale, anzi, grazie per i
consigli. è che penso dovremmo diventare tutti un po' più esigenti
quando cacciamo soldi, pochi o tanti che siano.
Beh io fossi in te mi farei un giro esplorativo guardando cosa c'è in giro.
Una volta scremati i modelli leggi un po' di prove su internet e poi al
limite vai di e-commerce.

Hai dato un'occhiata a quel forum che ti ho indicato ?
--
Ricky

Scrivimi saltando i cancelletti ( * = . )
mb#ox#*#ric#***@yah#oo*it

oppure usa il seguente link
http://www.mynewsgate.net/mp.php?u=19024
l***@email.it
2009-11-20 12:03:33 UTC
Permalink
qualcuno avrà letto il mio messaggio di qualche giorno fa.  ho
tra l'altro, notare come evidentemente non ci sia a Roma un solo
operatore del settore (dal commesso al direttore del grande negozio) a
cui piaccia abbastanza il suo lavoro da leggere la sera a casa o nelle
pause del lavoro il ng di riferimento italiano dell'hifi e magari
intervenire.

movimentatori di scatoloni, ecco cosa sono.
pingu
2009-11-20 15:03:13 UTC
Permalink
Post by l***@email.it
Post by l***@email.it
qualcuno avrà letto il mio messaggio di qualche giorno fa. ho
tra l'altro, notare come evidentemente non ci sia a Roma un solo
operatore del settore (dal commesso al direttore del grande negozio) a
cui piaccia abbastanza il suo lavoro da leggere la sera a casa o nelle
pause del lavoro il ng di riferimento italiano dell'hifi e magari
intervenire.
movimentatori di scatoloni, ecco cosa sono.
Mi veniva una gran voglia di intervenire ma mi soffocavo, a fatica, giusto per evitare banalità.
Ma non so resistere dal quotarti in toto.
Io non sono di Roma, altra zona: nordest. Ti assicuro però che il panorama è per nulla diverso dal tuo.

Perdonami se mi abbandono alle rimenbranze ma... alla fine degli '80 nella mia zona riuscivo ancora a entrare in un negozio, parlare con il titolare, sedermi su un divanetto e passarmela ad ascoltare, commentare, provare... senza alcun impegno d'acquisto.
Che nostalgia... a volte passavo davanti a uno dei negozi giusti e se il momento era traquillo era il titolare a farmi cenno di entrare per farmi ascoltare la novità della settimana. Eppure sapevano benissimo che ero uno studente squattrinato! C'erano insomma negozi gestiti da veri appassionati.

Oggi per entrare in un negozio di hi-fi con la speranza d'essere seguiti bisogna fare l'espressione dei tontoloni, appiccicarsi al taschino e ben in evidenza un assegno in bianco e spesso bisogna pure sorbirsi vaccate allucinanti che escono dalla bocca di... non so più come definirli.

Perciò anche se consiglio ancora ai neofiti di cercare i "negozi giusti" e i "titolari giusti" (perchè l'acquisto classico dà sicurezza al neofita), per quanto mi riguarda ho fatto ormai due scelte:

1. compro il più possibile usato: risparmio e se non mi piace rivendo quasi allo stesso prezzo

2. compro nuovo solo in rete: ... idem

Ciao, e buona fortuna!
Sovtek
2009-11-21 12:10:29 UTC
Permalink
"pingu" ha scritto
Post by pingu
Perdonami se mi abbandono alle rimenbranze ma... alla fine degli '80 nella
mia zona riuscivo ancora a entrare in un negozio, parlare con il titolare,
sedermi su un divanetto e passarmela ad ascoltare, commentare, provare...
senza alcun impegno d'acquisto.
Per fortuna qualche negozietto del genere esiste ancora.
Il mese scorso mi son trovato nella situazione di dover rimettere in piedi
un vecchio giradischi Technics, mi serviva la testina, nulla di
eccessivamente costoso dato che dovevo solo fare il pirla aduna
manifestazione e far suonare qualche buon vinile in auto. Ho caricato il
1210 in auto e mi son recato in un negozietto in centro, entro gli spiego
che mi serve e se posso entrare col giradischi, mi fa entrare, non ha storto
il naso di fronte ad un oggetto di solito in mano ai DJ ma mi ha consigliato
qualcosa che andasse bene per il mio modesto uso.
Monta la testina, fa tutte le regolazioni del caso al giradischi e lo
gollega ad un impianto in dimostrazione per testarlo davanti ai miei occhi.
Tutto questo facendomi pagare solo la testina senza un euro per il tempo
necessario all'operazione, e vi assicuro che sarei stato ben lieto di
pagargli quanto, a mio avviso, gli era dovuto per la messa a punto ed il
montaggio.
E' vero che certi posti scarseggiano oramai ma è anche vero che molta gente
chiede consigli, prove ecc per poi dire: ok ci penso e mi faccio risentire
per poi fiondarsi alla ricerca del prezzo più basso online senza dare il
minimo peso al valore aggiunto che ha un posto dove entrare, confrontare,
ascoltare. Si vorrebbe servizio da negozio ma prezzi da chi un negozio da
tenere in piedi non ce l'ha.

Perry
--
La barrique sta al vino come il processore al car hi-fi.
www.perryhificar.it
l***@email.it
2009-11-21 22:33:15 UTC
Permalink
Post by Sovtek
Per fortuna qualche negozietto del genere esiste ancora.
interessante, dove?
Post by Sovtek
ascoltare. Si vorrebbe servizio da negozio ma prezzi da chi un negozio da
tenere in piedi non ce l'ha.
nel mio caso ho specificato che non è così. ma ai negozi non glie ne
frega più niente lo stesso.

ho anche riportato, qualche messaggio fa. l'esperienza di un
conoscente che ha speso decine di migliaia di euro per l'impianto hifi
domestico e non ha mai, ripeto, mai trovato negozianti, distributori
ecc. che gli facessero provare a casa sua un paio di casse da 10mila
euro (dopo che lui aveva già acquistato materiale per altre migliaia e
migliaia di euro), neanche offrendo una fideiussione, remunerando la
prova ecc. ecc..

quindi sta storia della gente che vuole solo i prezzi bassi come vedi
non regge.

sarà anche così, ma i negozianti ormai fanno gli stronzi (mi si passi
il termine) anche se sei cliente e anche se ti vedono con i soldi in
bocca.
Sovtek
2009-11-22 10:28:52 UTC
Permalink
Post by Sovtek
Per fortuna qualche negozietto del genere esiste ancora.
interessante, dove?

Io sono di Reggio Emilia.
Per carità è vero che in molti casi ci sia poca volgia di fare divulgazione
e ancora meno disponibilità a farti provare i prodotti.
--
La barrique sta al vino come il processore al car hi-fi.
www.perryhificar.it
l***@email.it
2009-11-21 22:41:27 UTC
Permalink
Post by pingu
Perdonami se mi abbandono alle rimenbranze ma... alla fine degli '80 nella mia zona riuscivo ancora a entrare in un negozio, parlare con il titolare, sedermi su un divanetto e passarmela ad ascoltare, commentare, provare... senza alcun impegno d'acquisto.
figurati, capisco bene.

ricordo bene anche io come andava nei tardi anni 70-primi anni 80.
ero molto giovane e quindi palesemente non acquirente, ma se entravo
in un negozio di hifi vera mi potevo "imbucare" in sala di ascolto,
potevo scambiare due parole con negozianti davvero appassionati di
quel che vendevano che magari erano pure contenti di fare quattro
chiacchiere e un po' di divulgazione, tanto non è che al negozio c'era
sempre la fila come alla cassa del supermercato, no?

più avanti ho cominciato a studiare da perito elettronico, quindi
qualche argomento di conversazione ce l'avevo pure.

ricordo anche le polemiche sulle varie stereoplay, suono ecc. su
quelli che andavano a provare le casse al negozio ma poi le compravano
al cash and carry che gliele scontava del 5%.
Post by pingu
Che nostalgia... a volte passavo davanti a uno dei negozi giusti e se il momento era traquillo era il titolare a farmi cenno di entrare per farmi ascoltare la novità della settimana. Eppure sapevano benissimo che ero uno studente squattrinato! C'erano insomma negozi gestiti da veri appassionati.
appunto!
Post by pingu
Ciao, e buona fortuna!
grazie e altrettanto.
Continua a leggere su narkive:
Loading...