Discussione:
assorbimento
(troppo vecchio per rispondere)
Federico Spano`
2009-04-19 09:59:43 UTC
Permalink
Il mio fornitore di corrente elettrica mi sta un po' innervosendo (prima
mi hanno fatto un sostanzioso rimborso e poi se lo sono ripreso con la
bolletta successiva, attribuendomi per l'occasione un consumo da
fantascienza).

Se il mio amplificatore riporta un assorbimento, poniamo, di 500 watt,
quale può essere l'assorbimento effettivo a metà potenza? E quando è
acceso ma non suona?

Qualcuno conosce un metodo pratico per misurare l'assorbimento
disponendo solo di un tester? Dovendo mettere i puntali del tester in
serie alla 220, mi farebbe piacere non reggerli con le dita :)

--
Federico Spano`
SACD ®
2009-04-19 10:26:18 UTC
Permalink
On Sun, 19 Apr 2009 11:59:43 +0200, Federico Spano`
Post by Federico Spano`
Il mio fornitore di corrente elettrica mi sta un po' innervosendo (prima
mi hanno fatto un sostanzioso rimborso e poi se lo sono ripreso con la
bolletta successiva, attribuendomi per l'occasione un consumo da
fantascienza).
Se il mio amplificatore riporta un assorbimento, poniamo, di 500 watt,
quale può essere l'assorbimento effettivo a metà potenza? E quando è
acceso ma non suona?
Qualcuno conosce un metodo pratico per misurare l'assorbimento
disponendo solo di un tester? Dovendo mettere i puntali del tester in
serie alla 220, mi farebbe piacere non reggerli con le dita :)
Se hai il contatore elettronico, basterà staccare tutte le utenze
tranne l'ampli che ti interessa e attendere un quarto d'ora perché si
assesti il consumo medio.
Fatto! :-)

--
Aliis alia placent
Loading Image...
LAB
2009-04-20 10:05:18 UTC
Permalink
Con il contatore di casa: leggi il consumo istantaneo con
l'amplificatore spento; accendi l'amplificatore e leggi di nuovo. Se hai il
dubbio che fra le due letture sia entrato in funzione il compressore del
frigorifero ricontrolla l'assorbimento con l'amplificatore spento.
Naturalmente se il contatore sta fuori casa bisogna essere in due...

Da LIDL ogni tanto vendono (a 19,90 Euro?) il "Misuratore di energia
elettrica" che misura la potenza istantanea assorbita, il cos-fi, la
corrente, la tensione, l'energia consumata e calcola anche il costo (dopo
aver inserito inizialmente il costo unitario). Ha una buona precisione.
--
Gianluca
Federico Spano`
2009-04-20 13:23:42 UTC
Permalink
Post by LAB
Da LIDL ogni tanto vendono (a 19,90 Euro?) il "Misuratore di energia
elettrica" che misura la potenza istantanea assorbita, il cos-fi, la
corrente, la tensione, l'energia consumata e calcola anche il costo (dopo
aver inserito inizialmente il costo unitario). Ha una buona precisione.
Un mito! Non ho qui un lidl ma adesso lo cerco in rete, non si sa mai. A
che serve il cos-fi?

--
Federico Spano`
LAB
2009-04-20 15:50:38 UTC
Permalink
Il cos-fi indica quanto il carico è reattivo, cioè quanto sfasa la
corrente che assorbe rispetto alla tensione applicata. Per una trattazione
più precisa e dettagliata cerca in Rete.
--
Gianluca
Federico Spano`
2009-04-20 18:09:37 UTC
Permalink
Post by LAB
Il cos-fi indica quanto il carico è reattivo, cioè quanto sfasa la
corrente che assorbe rispetto alla tensione applicata. Per una trattazione
più precisa e dettagliata cerca in Rete.
Veramente ho chiesto a che serve; che è uno sfasamento di qualcosa lo
capivo già dal nome. E trattandosi di corrente alternata avevo perfino
intuito che si trattava di uno sfasamento indotto in qualche modo
dall'utilizzatore. Ma dato che non so niente di elettricità mi fermavo
qui e ti chiedevo: che effetto ha sulla bolletta?

Perché anche le istruzioni del nuovo contatore parlano di carico
reattivo, ma non dicono la cosa fondamentale, che è: quanto costa (se
costa)?

--
Federico Spano`
Izzio
2009-04-20 19:01:32 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
qui e ti chiedevo: che effetto ha sulla bolletta?
in pratica l'enel di fa pagare il rifasamento, infatti nell'industriale
viene appunto montato il rifasamento in modo che non te lo faccia l'enel
sandro
2009-04-20 23:53:31 UTC
Permalink
Post by Izzio
Post by Federico Spano`
qui e ti chiedevo: che effetto ha sulla bolletta?
in pratica l'enel di fa pagare il rifasamento, infatti nell'industriale
viene appunto montato il rifasamento in modo che non te lo faccia l'enel
Negativo, per le utenze domestiche le potenze reattive non sono considerate.
Finora.
Ma coi nuovi contatori saranno cazzi per tutti.



sandro
Federico Spano`
2009-04-21 19:37:20 UTC
Permalink
Post by sandro
Post by Izzio
Post by Federico Spano`
qui e ti chiedevo: che effetto ha sulla bolletta?
in pratica l'enel di fa pagare il rifasamento, infatti nell'industriale
viene appunto montato il rifasamento in modo che non te lo faccia l'enel
Negativo, per le utenze domestiche le potenze reattive non sono considerate.
Finora.
Ma coi nuovi contatori saranno cazzi per tutti.
Io ho appunto un contatore nuovo, che mi segna un 163 kVARh e un 6 kVARh
alle due voci che riguardano la potenza reattiva (rispettivamente
induttiva e capacitiva). Quello che ho notato è che i valori sono
costanti, indipendenti da quello che tengo acceso, quindi immagino che
siano prodotti da cose che stanno in stand-by (ho guardato con google e
ho visto che per esempio la producono i trasformatori sotto tensione
anche senza carico, tipici i caricabatterie dei cellulari che lascio
sempre inseriti nella presa). Quello che non ho capito è l'avvertimento
che sta nelle istruzioni del contatore: "l'energia reattiva produce un
aumento della dissipazione *con conseguente maggiore consumo di energia
attiva e relativo costo*" e poi "un valore elevato di reattiva rispetto
all'attiva indica un funzionamento inefficiente dell'impianto".

La prima frase vuol dire che me la stanno già facendo pagare? E nella
seconda, che significa "elevato"? I due valori sono totalizzatori, come
quello dell'energia attiva, mi sembra di capire. 166 kVARh rispetto a
1100 kWh di attiva è "elevato"?

Ho letto anche che è prodotta dai motori in partenza, quindi frigo,
lavatrice e lavastoviglie, ma su quelli posso fare poco (a meno che
qualcuno non mi calcoli i valori dei condensatori da mettere in serie,
ma non ci hanno già pensato i fabbricanti?). Però vorrei cercare di
capire se le cose in stand-by (ne ho parecchie) incidono in modo
rilevante o no. Per capirci, non considero rilevante una differenza di
25-50 euro l'anno - motivo per cui non ho ancora cambiato il
frigorifero, per esempio, perchè sulla carta risparmierei una ventina di
euro l'anno.

Mi resta sempre da capire quanto assorbe l'amplificatore... Nel
frattempo ho visto che il PC assorbe molto poco (forse un centinaio di
watt) e la cosa mi fa piacere, considerato che è abbastanza
"grandicello".

--
Federico Spano`
sandro
2009-04-21 23:42:44 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Io ho appunto un contatore nuovo, che mi segna un 163 kVARh e un 6 kVARh
alle due voci che riguardano la potenza reattiva (rispettivamente
induttiva e capacitiva). Quello che ho notato è che i valori sono
costanti, indipendenti da quello che tengo acceso, quindi immagino che
siano prodotti da cose che stanno in stand-by (ho guardato con google e
ho visto che per esempio la producono i trasformatori sotto tensione
anche senza carico, tipici i caricabatterie dei cellulari che lascio
sempre inseriti nella presa).
L'energia reattiva e' appannaggio di apparecchiature con circuiti induttivi.
Un trasformatore "a vuoto" puo' essere uno di questi.
Post by Federico Spano`
Quello che non ho capito è l'avvertimento
che sta nelle istruzioni del contatore: "l'energia reattiva produce un
aumento della dissipazione *con conseguente maggiore consumo di energia
attiva e relativo costo*" e poi "un valore elevato di reattiva rispetto
all'attiva indica un funzionamento inefficiente dell'impianto".
Vero.
Post by Federico Spano`
La prima frase vuol dire che me la stanno già facendo pagare?
No, per le utenze domestiche, attualmente, non ci sono provvedimenti a
carico di consumi dove incidono componenti reattive.
Post by Federico Spano`
E nella
seconda, che significa "elevato"? I due valori sono totalizzatori, come
quello dell'energia attiva, mi sembra di capire. 166 kVARh rispetto a
1100 kWh di attiva è "elevato"?
No, decisamente.
Vengono presi provvedimenti (sempre per utenze industriali) per
fattori di sfasamento minori di 0.9, quando la potenza reattiva supera il
50% di quella attiva.
Post by Federico Spano`
Ho letto anche che è prodotta dai motori in partenza, quindi frigo,
lavatrice e lavastoviglie, ma su quelli posso fare poco (a meno che
qualcuno non mi calcoli i valori dei condensatori da mettere in serie,
ma non ci hanno già pensato i fabbricanti?).
Lo fanno quelli virtuosi, e che di solito si pagano un tantino di piu'.
Se poi si importano elettrodomestici cinesi...
Post by Federico Spano`
Però vorrei cercare di
capire se le cose in stand-by (ne ho parecchie) incidono in modo
rilevante o no.
Beh, non e' che ci sia da andarne fieri...
Apparecchiature in stand-by inutile non dovrebbero esistere, non per
problemi di potenza reattiva, ma per un fatto culturale.
Consumere energia inutilmente e' follia allo stato puro: paghi di piu' e
crei pure danno sociale.
Scusa se te lo dico, ma un comportamento come il tuo, moltiplicato per
milioni di persone, significa costruire una centrale elettrica solo per
evitare la fatica di non staccare un caricabatterie o spegnere un televisore
manualmente.
Sei d'accordo, se questa centrale in piu' che non dovrebbe esistere, la
costruiamo sotto casa tua? E magari la facciamo anche nucleare...
Post by Federico Spano`
Per capirci, non considero rilevante una differenza di
25-50 euro l'anno - motivo per cui non ho ancora cambiato il
frigorifero, per esempio, perchè sulla carta risparmierei una ventina di
euro l'anno.
Questi conti sono di pertinenza delle tue necessita' e disponibilita'.
Valuta tu.
Post by Federico Spano`
Mi resta sempre da capire quanto assorbe l'amplificatore... Nel
frattempo ho visto che il PC assorbe molto poco (forse un centinaio di
watt) e la cosa mi fa piacere, considerato che è abbastanza
"grandicello".
Scordatelo. Vatti a leggere la targa dell'alimentatore del PC...
Una macchina di generazione recente, con hardware ben performante, consuma 4
volte quello che credi (una sk video normale arriva da sola al cosumo che
ipotizzi, quelle da gamers anche il doppio).
Il futuro sono gli Atom! :D



sandro
LAB
2009-04-22 08:04:35 UTC
Permalink
Post by sandro
Una macchina di generazione recente, con hardware ben performante
Il mio hardware non ha il performatore!!! Eppure funziona... mah... :-)
--
Gianluca
Federico Spano`
2009-04-22 18:03:22 UTC
Permalink
Post by sandro
ma un comportamento come il tuo, moltiplicato per
milioni di persone, significa costruire una centrale elettrica solo per
evitare la fatica di non staccare un caricabatterie o spegnere un televisore
manualmente.
Prova ad averne una ventina, di alimentatori sotto tensione. Ho capito
benissimo che mi dovrò organizzare con degli interruttori.

apparecchi in stand-by e/o con alimentatore esterno e/o caricabatterie:

radio
TV
sat digitale
sat analogico
dvd
vcr

UPS
scanner 1
scanner 2
sk audio
stampante 1
stampante 2 (che non ha nemmeno il tasto power)
hd esterno 1
hd esterno 2
hub USB
pc portatile
router LAN/wireless
monitor LCD
monitor CRT

avvitatore
ampli hifi
HAG Fastweb
cordless

cellulare

Totale da staccare: 23 (l'hag fastweb è meglio non spegnerlo).

Ah, ho anche un timer elettromeccanico per lo scaldabagno :)

--
Federico Spano`
sandro
2009-04-22 23:00:19 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Prova ad averne una ventina, di alimentatori sotto tensione. Ho capito
benissimo che mi dovrò organizzare con degli interruttori.
radio
TV
sat digitale
sat analogico
dvd
vcr
UPS
scanner 1
scanner 2
sk audio
stampante 1
stampante 2 (che non ha nemmeno il tasto power)
hd esterno 1
hd esterno 2
hub USB
pc portatile
router LAN/wireless
monitor LCD
monitor CRT
avvitatore
ampli hifi
HAG Fastweb
cordless
cellulare
Totale da staccare: 23 (l'hag fastweb è meglio non spegnerlo).
Ah, ho anche un timer elettromeccanico per lo scaldabagno :)
Beh, con un minimo di impegno, ma proprio minimo...
Il TV, quando lo spegni, prendi l'abitudine di farlo dal bottone.
Il telefonino, si carica si e no' una volta a settimana, appena fatto
stacchi il charger dalla parete e arrivederci tra 7 giorni.
Il notebook, non capisco perche' sempre attaccato, tra l'altro non gli fai
nemmeno bene.
Tutta la roba per il PC, io ho un teleruttore dentro l'UPS, che quando ho
finito di lavorare stacca tutto con un dito.
L'ampli, perche' in stand-by...? E' un HT telecomandato...? Se hai
un'impianto audio simile, anche qui, ciabattina con teleruttore... ma credo
che anche quello debba avere il suo interruttore generale.

Il timer per lo scaldabagno, invece, non lo vedo male, anzi: per
apparecchiature di questo tipo l'accoppiata cronometro-termostato, se ben
impostata, porta a grandi risparmi di bolletta.

Se consideri 5W medi per ogni diavoleria, alla fine e' come se hai una
lampada da 100W sempre accesa in casa...!



sandro
Federico Spano`
2009-04-23 13:22:59 UTC
Permalink
Post by sandro
Beh, con un minimo di impegno, ma proprio minimo...
Il TV, quando lo spegni, prendi l'abitudine di farlo dal bottone.
Già non lo guardo mai...
Post by sandro
Il telefonino, si carica si e no' una volta a settimana, appena fatto
stacchi il charger dalla parete e arrivederci tra 7 giorni.
Lo devo caricare tutti i giorni, ma non è questo il problema. Il
problema è che stacca e attacca si rompono le prese.
Post by sandro
Il notebook, non capisco perche' sempre attaccato, tra l'altro non gli fai
nemmeno bene.
Non è lui a essere sempre attaccato, è solo il caricabatterie (non lo
uso fuori casa).
Post by sandro
Tutta la roba per il PC, io ho un teleruttore dentro l'UPS, che quando ho
finito di lavorare stacca tutto con un dito.
Potrei spegnere l'ups, anzi lo farò, ma stacca solo pc e monitor.
Post by sandro
L'ampli, perche' in stand-by...? E' un HT telecomandato...? Se hai
un'impianto audio simile, anche qui, ciabattina con teleruttore... ma credo
che anche quello debba avere il suo interruttore generale.
No, ha solo lo stand-by. Ha anche uno stato che è "più spento" dello
standby, ma si accende comunque dal telecomando.
Post by sandro
Il timer per lo scaldabagno, invece, non lo vedo male, anzi: per
apparecchiature di questo tipo l'accoppiata cronometro-termostato, se ben
impostata, porta a grandi risparmi di bolletta.
Esatto :)

Mi organizzerò con una serie di ciabatte con interruttore, credo. È
comunque abbastanza fastidiosa la serie di operazioni che dovrò fare per
spegnere il pc:
1. spegnere il pc
2. spegnere l'ups che altrimenti si scarica e rovina la batteria (oltre
a suonare l'allarme);
3. spegnere la ciabatta che alimenta l'ups e il resto;
4. spegnere a mano il NAS (deve fare lo shutdown, non lo posso spegnere
dalla ciabatta);
4 bis. aspettare lo shutdown del NAS e spegnere la sua ciabatta.

Per dire, il router non potrà essere spento col pc perché mi può servire
col netbook; e per lo stesso motivo non potrà essere spento col NAS.

In totale, solo per chiudere l'informatica mi servono 6 operazioni.

Spegnere il settore TV è più facile, posso staccare tutto insieme. Ma se
stacco Sky perdo la radio (che sento dallo stereo, dove non ho un tuner
ascoltabile), Sky quando si sveglia perde un sacco di tempo a fare
eventuali aggiornamenti; se stacco il DVD/harddisk recorder, quando poi
dò corrente deve fare il boot (in realtà è un pc)...

Si fa presto a dire "spegnete" :)

--
Federico Spano`
sandro
2009-04-23 18:18:38 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Si fa presto a dire "spegnete" :)
In un mondo civile, sta ai costruttori, ricercare soluzioni "ecologiche"...
e invece alcuni non mettono nemmeno l'interruttore d'accensione.



sandro
Federico Spano`
2009-04-23 18:47:33 UTC
Permalink
Post by sandro
Post by Federico Spano`
Si fa presto a dire "spegnete" :)
In un mondo civile, sta ai costruttori, ricercare soluzioni "ecologiche"...
e invece alcuni non mettono nemmeno l'interruttore d'accensione.
Per chi ci legge specifico che si tratta di HP e Arcam, non proprio gli
ultimi venuti... HP per la verità dopo la mia stampante ha ricominciato
a metterli. Arcam forse pensa (a ragione) che il trasformatore è meglio
tenerlo sveglio?

--
Federico Spano`
sandro
2009-04-24 09:51:10 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Post by sandro
Post by Federico Spano`
Si fa presto a dire "spegnete" :)
In un mondo civile, sta ai costruttori, ricercare soluzioni
"ecologiche"...
e invece alcuni non mettono nemmeno l'interruttore d'accensione.
Per chi ci legge specifico che si tratta di HP e Arcam, non proprio gli
ultimi venuti... HP per la verità dopo la mia stampante ha ricominciato
a metterli. Arcam forse pensa (a ragione) che il trasformatore è meglio
tenerlo sveglio?
Minkiata, non ragione... non c'e' un solo motivo per cui un'elettronica
debba rimanere in tensione: ci sono costruzioni che hanno ormai piu' di
mezzo secolo e tutto quello che c'e' da fare per rigenerarle completamente
e' sostituire qualche capacita' elettrolitica.



sandro
Federico Spano`
2009-04-24 19:19:03 UTC
Permalink
Post by sandro
Post by Federico Spano`
Post by sandro
Post by Federico Spano`
Si fa presto a dire "spegnete" :)
In un mondo civile, sta ai costruttori, ricercare soluzioni
"ecologiche"...
e invece alcuni non mettono nemmeno l'interruttore d'accensione.
Per chi ci legge specifico che si tratta di HP e Arcam, non proprio gli
ultimi venuti... HP per la verità dopo la mia stampante ha ricominciato
a metterli. Arcam forse pensa (a ragione) che il trasformatore è meglio
tenerlo sveglio?
Minkiata, non ragione... non c'e' un solo motivo per cui un'elettronica
debba rimanere in tensione: ci sono costruzioni che hanno ormai piu' di
mezzo secolo e tutto quello che c'e' da fare per rigenerarle completamente
e' sostituire qualche capacita' elettrolitica.
bene, sarà contento il mio negoziante di ciabatte :)

--
Federico Spano`
LAB
2009-04-24 19:14:13 UTC
Permalink
non c'e' un solo motivo per cui un'elettronica debba rimanere in
tensione

Anch'io a casa spengo sempre tutto, ma non generalizziamo: apparati che
producono calore, spenti e riaccesi ogni giorno, producono guasti per le
deformazioni termiche ad ogni accensione e spegnimento. Intere sale apparati
lasciate accese garantiscono una affidabilità molto superiore (personalmente
verificato).
--
Gianluca
sandro
2009-04-24 23:30:29 UTC
Permalink
Post by LAB
non c'e' un solo motivo per cui un'elettronica debba rimanere in
tensione
Anch'io a casa spengo sempre tutto, ma non generalizziamo: apparati che
producono calore, spenti e riaccesi ogni giorno, producono guasti per le
deformazioni termiche ad ogni accensione e spegnimento. Intere sale
apparati lasciate accese garantiscono una affidabilità molto superiore
(personalmente verificato).
Anche dove lavoro io ci sono macchine che non vengono mai spente, per questo
motivo.
Ma evitare gli choc da accensione ad una serie di apparecchiature da milioni
di euro e' diverso, che preoccuparsene per il ferro da stiro... :)



sandro

Federico Spano`
2009-04-22 18:06:51 UTC
Permalink
Post by sandro
Post by Federico Spano`
Mi resta sempre da capire quanto assorbe l'amplificatore... Nel
frattempo ho visto che il PC assorbe molto poco (forse un centinaio di
watt) e la cosa mi fa piacere, considerato che è abbastanza
"grandicello".
Scordatelo. Vatti a leggere la targa dell'alimentatore del PC...
Una macchina di generazione recente, con hardware ben performante, consuma 4
volte quello che credi (una sk video normale arriva da sola al cosumo che
ipotizzi, quelle da gamers anche il doppio).
Il futuro sono gli Atom! :D
La targa la so a memoria, visto che ho appena cambiato l'alimentatore
(max 500W). I 100 lo ho letti (o credo di averli letti) sul contatore
Enel, ma verificherò meglio. La sk video non è "normale", mi basta roba
molto semplice (radeon 9250).

--
Federico Spano`
Izzio
2009-04-19 13:11:16 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Qualcuno conosce un metodo pratico per misurare l'assorbimento
disponendo solo di un tester? Dovendo mettere i puntali del tester in
serie alla 220, mi farebbe piacere non reggerli con le dita :)
con il tester no, ti serve una pinza amperometrica per vedere
l'assorbimento. oppure fai come ti hanno suggerito ma bada bene di non avere
altro acceso, nemmeno le luci.
Federico Spano`
2009-04-19 17:37:31 UTC
Permalink
Post by Izzio
Post by Federico Spano`
Qualcuno conosce un metodo pratico per misurare l'assorbimento
disponendo solo di un tester? Dovendo mettere i puntali del tester in
serie alla 220, mi farebbe piacere non reggerli con le dita :)
con il tester no, ti serve una pinza amperometrica per vedere
l'assorbimento. oppure fai come ti hanno suggerito ma bada bene di non avere
altro acceso, nemmeno le luci.
Proverò così, ma ho il contatore in cantina :(

--
Federico Spano`
Izzio
2009-04-19 19:24:42 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Proverò così, ma ho il contatore in cantina :(
cmq senti, se ti sono aumentati i consumi controlla gli elettrodomestici, in
particolare il frigo. potrebbe esserci il compressore che non stacca mai
oppure che attacca troppo spesso, se è vecchio (ma anche se seminuovo) può
accadere.
momo
2009-04-24 15:04:47 UTC
Permalink
Post by Izzio
Post by Federico Spano`
Qualcuno conosce un metodo pratico per misurare l'assorbimento
disponendo solo di un tester? Dovendo mettere i puntali del tester in
serie alla 220, mi farebbe piacere non reggerli con le dita :)
con il tester no, ti serve una pinza amperometrica per vedere
l'assorbimento. oppure fai come ti hanno suggerito ma bada bene di non avere
altro acceso, nemmeno le luci.
Se metti il tester su Ampere ti misura la corrente, pertanto basta
moltiplicare 230 per gli Ampere misurati ed hai il consumo. Gli Ampere
si misurano in serie col tester.
mm
Izzio
2009-04-24 16:20:23 UTC
Permalink
Post by momo
Gli Ampere
si misurano in serie col tester.
mm
cosa intendi in serie col tester. puntali tra fase e stessa fase?
momo
2009-04-24 18:11:09 UTC
Permalink
Post by Izzio
Post by momo
Gli Ampere
si misurano in serie col tester.
mm
cosa intendi in serie col tester. puntali tra fase e stessa fase?
certo, o neutro e neutro, non fa differenza
mm
Federico Spano`
2009-04-24 19:20:31 UTC
Permalink
Post by momo
Post by Izzio
Post by momo
Gli Ampere
si misurano in serie col tester.
mm
cosa intendi in serie col tester. puntali tra fase e stessa fase?
certo, o neutro e neutro, non fa differenza
Il mio misura solo la continua.

--
Federico Spano`
sandro
2009-04-24 23:30:29 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Post by momo
Post by Izzio
Post by momo
Gli Ampere
si misurano in serie col tester.
mm
cosa intendi in serie col tester. puntali tra fase e stessa fase?
certo, o neutro e neutro, non fa differenza
Il mio misura solo la continua.
Tanto e' inutile, non sapendo il fattore di potenza non puoi comunque sapere
quanto consumi realmente...



sandro
sandro
2009-04-19 22:00:22 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Il mio fornitore di corrente elettrica mi sta un po' innervosendo (prima
mi hanno fatto un sostanzioso rimborso e poi se lo sono ripreso con la
bolletta successiva, attribuendomi per l'occasione un consumo da
fantascienza).
Se il mio amplificatore riporta un assorbimento, poniamo, di 500 watt,
quale può essere l'assorbimento effettivo a metà potenza? E quando è
acceso ma non suona?
La voce grossa dei consumi sono gli elettrodomestici con elementi
riscaldanti come lavatrici, lavastoviglie, scalda acqua.
Poi vengono quelli di consumo minore ma che rischiano di rimanere accesi per
ore come i frigoriferi, televisori, lampade al quarzo, forni.
Il tuo impianto audio, a meno che non hai una discoteca, influira' per una
quantita' risibile.

Se arrivano bollette strane ci possono essere due motivi: una fuga di
corrente (guasto o consumo non controllato, oppure un vicino che s'e'
avvicinato troppo...) oppure la solita ennesima paraculata dell'ente
fornitore, che ti sta mandando fatture a conguaglio o a consumi dedotti
statisticamente.
Fai un controllo con le fatturazioni e vedi che non ti stanno fregando
perche' di tutte le ipotesi fatte e' questa la piu' probabile.



sandro
Federico Spano`
2009-04-20 13:50:05 UTC
Permalink
Post by sandro
Se arrivano bollette strane ci possono essere due motivi: una fuga di
corrente (guasto o consumo non controllato, oppure un vicino che s'e'
avvicinato troppo...) oppure la solita ennesima paraculata dell'ente
fornitore, che ti sta mandando fatture a conguaglio o a consumi dedotti
statisticamente.
Fai un controllo con le fatturazioni e vedi che non ti stanno fregando
perche' di tutte le ipotesi fatte e' questa la piu' probabile.
E' una bolletta derivante da letture effettive e corrisponde al triplo
del mio consumo medio come calcolato da me nel periodo successivo,
perciò è strana. Credo che girerò a loro il problema.

--
Federico Spano`
sandro
2009-04-20 23:53:31 UTC
Permalink
Post by Federico Spano`
Post by sandro
Se arrivano bollette strane ci possono essere due motivi: una fuga di
corrente (guasto o consumo non controllato, oppure un vicino che s'e'
avvicinato troppo...) oppure la solita ennesima paraculata dell'ente
fornitore, che ti sta mandando fatture a conguaglio o a consumi dedotti
statisticamente.
Fai un controllo con le fatturazioni e vedi che non ti stanno fregando
perche' di tutte le ipotesi fatte e' questa la piu' probabile.
E' una bolletta derivante da letture effettive e corrisponde al triplo
del mio consumo medio come calcolato da me nel periodo successivo,
perciò è strana. Credo che girerò a loro il problema.
Scommetto che t'hanno sostituito il vecchio contatore con quello digitale,
nel corso della stagione...
Se e' veramente cosi' fai parte del mucchio di gente che s'e' scontrata con
la nuova tecnologia.



sandro
Federico Spano`
2009-04-21 19:39:32 UTC
Permalink
Post by sandro
Post by Federico Spano`
Post by sandro
Se arrivano bollette strane ci possono essere due motivi: una fuga di
corrente (guasto o consumo non controllato, oppure un vicino che s'e'
avvicinato troppo...) oppure la solita ennesima paraculata dell'ente
fornitore, che ti sta mandando fatture a conguaglio o a consumi dedotti
statisticamente.
Fai un controllo con le fatturazioni e vedi che non ti stanno fregando
perche' di tutte le ipotesi fatte e' questa la piu' probabile.
E' una bolletta derivante da letture effettive e corrisponde al triplo
del mio consumo medio come calcolato da me nel periodo successivo,
perciò è strana. Credo che girerò a loro il problema.
Scommetto che t'hanno sostituito il vecchio contatore con quello digitale,
nel corso della stagione...
Se e' veramente cosi' fai parte del mucchio di gente che s'e' scontrata con
la nuova tecnologia.
No, alla fine invece risulta che mi ero scontrato con un errore umano
nella prima delle due letture effettive, che aveva provocato un rimborso
assurdo. In 6 mesi, secondo loro, avevo consumato 75 kWh :)

E per un omino che ha inserito un numero sbagliato ho perso tempo,
patemi d'animo e fila in banca.

--
Federico Spano`
Continua a leggere su narkive:
Loading...